Apertura uffici al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 ed il venerdì fino alle 12.30. A San Liberale, Treviso solo il venerdì dalle 8:30 alle 12:30

Deducibilità

DEDUCIBILITA' DEI CONTRIBUTI DI BONIFICA

Il contributo di bonifica è un onere deducibile nella dichiarazione dei redditi dell'anno d'imposta nel quale si è provveduto al pagamento La deducibilità del contributo di bonifica è prevista all’art. 10 co. 1 lett a) del TUIR, laddove stabilisce che “Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, i seguenti oneri sostenuti dal contribuente: a) i canoni, livelli, censi, ed altri oneri gravanti sui redditi degli immobili che concorrono a formare il reddito complessivo, compresi i contributi ai consorzi obbligatori per legge o in dipendenza di provvedimenti della pubblica amministrazione; sono in ogni caso esclusi i contributi agricoli unificati”.

Ai fini della deducibilità del contributo, a seguito dell’entrata in vigore della normativa sull’IMU, è intervenuta l’Agenzia delle Entrate  che con Risoluzione n. 44/E del 4 luglio 2013 ha chiarito che sono deducibili dal reddito complessivo anche i contributi imposti dai Consorzi di Bonifica sugli immobili soggetti ad IMU, non affittati e non locati : la deducibilità dei contributi, dal reddito complessivo, è possibile nei casi in cui, in assenza dell’IMU, i redditi degli immobili su cui gravano i contributi stessi, avrebbero concorso al reddito complessivo e sempreché il contributo non sia stato già considerato nella determinazione della rendita catastale, confermando quindi la deducibilità dal reddito dei contributi di bonifica.

L’unica eccezione riguarda i fabbricati abitativi locati per i quali il contribuente ha optato per la cedolare secca (art. 3 d. lgs. 23/2011). Conseguentemente l’opzione per il regime della cedolare secca, preclude la fruizione della deduzione del contributo di bonifica.

Non è invece deducibile il contributo consortile relativo ad un immobile locato a cedolare secca. L'Agenzia chiarisce che per i fabbricati abitativi per i quali il proprietario ha optato per la cedolare secca, non si può procedere alla deduzione dei contributi di bonifica in quanto tale regime di tassazione, non essendo obbligatorio ma permettendo facoltà di scelta permette al contribuente di valutare la convenienza del regime sostitutivo rispetto a quello ordinario che permette di fruire della detrazione.