Apertura uffici al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e il venerdì fino alle 12.30  ♦  0423 2917 info@consorziopiave.it

Come si calcola

L’importo del tributo presente nell'avviso di pagamento è stato calcolato applicando il Piano di Classifica approvato dall’Assemblea in data 29.06.2011, delibera n. 7/a e sul BUR Veneto n. 56 del 29 luglio 2011 – Avviso di Deposito.

Nella redazione del suddetto Piano si è tenuto conto del rapporto di beneficio, derivato dall’attività del Consorzio, tra i vari immobili ubicati nel territorio di competenza composto da 90 comuni della provincia di Treviso e 3 della provincia di Venezia:  Arcade,  Asolo, Borso del Grappa, Breda di Piave, Caerano di San Marco, Carbonera, Casale sul Sile, Castelfranco Veneto,  Castello di Godego,  Cavaso del Tomba, Cessalto, Chiarano, Cimadolmo, Codognè, Colle Umberto,  Conegliano, Cordignano, Cornuda,  Crespano del Grappa, Crocetta del Montello, Farra di Soligo, Fontanelle,  Fonte,  Gaiarine, Giavera del Montello, Godega di S. Urbano,  Gorgo al Monticano, Istrana, Loria, Mansuè,  Mareno di Piave,  Maser,  Maserada sul Piave,  Meduna di Livenza, Monastier di Treviso,  Monfumo, Montebelluna,  Morgano, Moriago della Battaglia, Motta di Livenza, Nervesa della Battaglia, Oderzo, Ormelle, Orsago, Paderno del Grappa,  Paese, Pederobba,  Pieve di Soligo, . Ponte di Piave, Ponzano Veneto, Portobuffolè, Possagno, Povegliano,  Preganziol, Quinto di Treviso,Resana ,  Riese Pio, Roncade ,  San Zenone degli Ezzelini, Salgareda,  San Biagio di Callalta,  San Fior, San Polo di Piave, San Vendemiano, . Santa Lucia di Piave, Sernaglia della Battaglia,  Silea, Spresiano, Susegana,  Trevignano, Treviso, Valdobbiadene,  Vazzola ,Vedelago, Vidor, Villorba, Vittorio Veneto, Volpago del Montello, Zenson di Piave, Zero Branco e nella provincia di Venezia, i comuni di Fossalta di Piave, Meolo, Noventa di Piave

In detto Piano è stato studiato il diverso comportamento idraulico, l’intensità delle opere e dell’attività di manutenzione, la diversa entità del rischio cui sono soggetti gli immobili a seconda delle caratteristiche idrauliche intrinseche del territorio e dei suoli, la diversa entità del valore fondiario o del reddito che, a parità di rischio idraulico e di comportamento dei suoli, viene tutelato e valorizzato dall’attività della bonifica.

Per quanto sopra esposto il riparto, stabilito dal Piano di Classifica è determinato utilizzando opportuni parametri tecnici ed economici, basati sulla stima dei benefici che ogni immobile consegue in termini di sicurezza idraulica, manutenzione, difesa e valorizzazione del bene e pertanto del servizio consortile goduto ed applicato all’interno del perimetro del comprensorio consortile definito dalla delibera, approvata dall'Assemblea consorziale del n. 3.3.A. del 30 giugno 2010 integrato con le prescrizioni della Regione Veneto giusto decreto n. 195/D.P.G.R.V. del 2 settembre 2010