Apertura uffici al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e il venerdì fino alle 12.30  ♦  0423 2917 info@consorziopiave.it

Speciale

AVVISI DI PAGAMENTO 2017

AVVISI DI PAGAMENTO ARRETRATI 2013 E 2014

 

Dalla prossima settimana arriveranno nelle case gli avvisi di pagamento riguardanti arretrati 2013 e 2014. Probabilmente, per diverse persone, sarà la prima volta che arriva nelle vostre case.

Perchè?


PERCHE' il graduale e sempre più puntuale aggiornamento delle banche dati consorziali, che attingono direttamente al Catasto Pubblico Terreni e Fabbricati, comporta che tutti i proprietari siano raggiunti dall’avviso e tenuti a contribuire.

 

MA SOPRATTUTTO, è la prima volta che arriva perché fino al 2012 la Regione Veneto escludeva dal pagamento di detti contributi i proprietari di immobili iscritti al catasto urbano la cui contribuenza risultasse pari o inferiore a € 16,53, finanziando i Consorzi con una somma pari agli importi non riscossi (art. 39 L.R. 12/2009).

L’art. 45 della L.R. 13/2012 ha modificato il comma 1 dell’art. 39 della L.R. 12/2009, con il testo che per comodità si riporta:

“1. La Regione si sostituisce ai proprietari di uno o più immobili censiti al catasto urbano consortile tenuti al pagamento di un contributo pari o inferiore al limite di esenzione fissato annualmente dalla Giunta regionale, sulla base delle relative disponibilità finanziarie recate dal bilancio regionale.”

Non essendo intervenuto nel 2013 e nel 2014 detto concorso nella contribuenza da parte della Regione, per assenza di copertura finanziaria nel bilancio regionale, il contributo di bonifica arretrato con riferimento agli anni 2013 e 2014, viene ora richiesto ai proprietari degli immobili interessati.

D’altra parte a norma di legge ogni immobile è tenuto al pagamento del contributo in funzione del beneficio che riceve dall’attività consorziale: qualora la Regione non subentri nel pagamento attraverso la fiscalità generale è evidente che l’obbligo non può che tornare sugli immobili che ne venivano esentati, anche perché altrimenti l’onere del rimborso cadrebbe, ingiustamente, su soggetti che già assolvono al proprio contributo.

 

 

 

logo-anbi

meteo